Euristica della disponibilità: ma cosa ti è venuto in mente?

euristica della disponibilità evonomia.com

Dopo aver letto il post sul significato del termine euristica vuoi scoprire qualcosa in più sulle scorciatoie mentali, sul motivo per cui commetti errori sistematici e su come agisce la tua mente, finendo su questa pagina che parla di euristica della disponibilità.

Sono certo che spesso, utilizzando le prime informazioni che ti passano per la testa, avrai fatto degli errori di valutazione oppure avrai scelto soluzioni improbabili.

A proposito!

Se ancora non lo hai fatto vai immediatamente a risolvere i test di availability heuristic lasciando la tua risposta alle 4 domande sul bias della disponibilità.

Pensieri e Denari – L’euristica della DISPONIBILITA’

Torniamo ora alla psicologia dei pensieri lenti e veloci rispondendo a questa semplice domanda:

La prima idea che ti viene in mente è [sempre] quella giusta?

Non credo proprio, dato che prendere decisioni vuol dire partire da un punto di vista soggettivo, con poca percezione del rischio e tanto ottimismo …

Allora, che fare?

Per prima cosa bisogna capire un po’ meglio queste dinamiche psicologiche e questo è proprio l’obiettivo di questo post.

L’euristica della disponibilità proposta da Tversky e Kahneman, infatti, condiziona pesantemente il tuo processo decisionale.

Per prima cercherò di definire questo termine strano, dopo di che vorrei lasciarti qualche spunto di riflessione per approfondire l’argomento.

Ora, se sei disponibile, iniziamo.

Cosa significa euristica della disponibilità

blank color colorful 209678 1024x782 - Euristica della disponibilità: ma cosa ti è venuto in mente?
Chiudi gli occhi e pensa a come è fatto un post-IT!

Quando usiamo il termine “euristico” intendiamo una scorciatoia mentale con cui siamo in grado di valutare la probabilità che un certo evento accada grazie a pochi, rapidi e semplici indizi arrivando subito ad una conclusione.

Facciamo un esempio.

Ora chiudi gli occhi e pensa ad un post-it!

L’ho fatto anch’io ed ho subito avuto in mente il classico blocchetto di fogli gialli che, sono certo, hai usato migliaia di volte anche tu!

Naturale.

Ma se guardi l’immagine qui sopra realizzerai che i post-IT, in realtà, sono di colore [ e spesso di misura ] diversa tra loro.

Allora come mai pensiamo solo al modello standard?

Proprio a causa del bias della disponibilità, un trucco psicologico che ti porta a decidere sulla base della prima immagine che ti viene in mente!

Diamo ora una definizione più scientifica di questo bias cognitivo:

Euristica della disponibilità, ovvero valutare un evento basandosi sulla facilità con cui ti viene in mente un esempio o un caso simile. Condividi il Tweet

In pratica se devi prendere una decisione o valutare la probabilità di un evento futuro, sarai psicologicamente condizionato dall’aver vissuto esperienze simili o dall’averne sentito parlare recentemente

In questo caso ne avrai un’idea, un ricordo ed una percezione molto più forte, più viva e personale.

La conseguenza è che riterrai l’idea molto più probabile di quanto essa sia in realtà.

Pensaci.

Bias della disponibilità

fashion hands jacket 374880 1024x682 - Euristica della disponibilità: ma cosa ti è venuto in mente?

La mente umana dà [ troppa ] importanza alle informazioni che possiede, arrivando all’errata convinzione che lo stesso episodio certamente si ripeterà in futuro.

Funziona così anche per te?

Come altre euristiche tra loro collegate [ prima fra tutte l’euristica della rappresentatività ] anche la disponibilità molte volte è preziosa perché ti aiuta a decidere per il meglio in condizioni di incertezza, arrivando con poco sforzo alla migliore soluzione.

Ma, come già sai, le euristiche possono trasformarsi in bias cognitivi ovvero in errori sistematici di comportamento.

Pere esempio, notizie di incidenti aerei o deragliamenti di treni, condizionano la tua percezione del rischio … influenzando la tua decisione di effettuare un viaggio.

Sei perplesso?

Fluidità cognitiva ed errori sistematici

evonomia frattale euristiche biases - Euristica della disponibilità: ma cosa ti è venuto in mente?

Perché le notizie ci condizionano particolarmente? e come mai i ragionamenti e le conclusioni che ne derivano sono spesso incoerenti portandoci ad errori sistematici?

Perché il bias della disponibilità dipende dal numero di notizie ricevute e, soprattutto, dall’intensità emotiva con cui esse ci colpiscono.

L’emotività alimenta il fascino irresistibile dell’improbabile, regalando stime esagerate a situazioni quasi irrealizzabili.

E solo perché l’emozione ne amplifica il ricordo, la probabilità e l’importanza.

Ad esempio nel best seller “pensieri lenti e veloci“, Daniel kahneman dedica un intero capitolo alla fluidità cognitiva.

Di cosa si tratta?

Della naturale tendenza psicologica a semplificare la realtà partendo dal proprio punto di vista [ cosiddetto reference dependence]!

Come già detto altre volte, infatti, alla nostra mente piace il percorso facile ed il risparmio di energie.

Una delle tecniche che applica spesso, in automatico e senza saperlo, è la tendenza a preferire soluzioni familiari.

In che modo?

In pratica il cervello sostituisce le domande complesse cui devi dare risposta con domande simili, familiari e più comprensibili.

Fatto questo, la risposta arriverà in modo fluido [ ecco la fluidità cognitiva ] e questa sensazione positiva ti convincerà della bontà della soluzione.

Il piacere che deriva dal ricordo di un'esperienza personale è una potente leva cognitiva che ti induce a ritenere il tuo ragionamento come più profondo, articolato e complesso di quanto sia in realtà. Daniel Kahneman Condividi il Tweet

Ed è proprio questo il cuore pulsante dell’euristica della disponibilità!

Euristica della disponibilità e decisioni finanziarie

pexels photo 534229 - Euristica della disponibilità: ma cosa ti è venuto in mente?

Questo approccio mentale vale in tutti i campi dove regna l’incertezza, anche e soprattutto in quello finanziario.

Già Tversky e Kahneman nella loro prospect theory, pubblicazione del 1974 e che ha aperto la strada alla finanza comportamentale, dicevano che

Gli investitori giudicano la bontà di un investimento ignorando i fatti e basandosi sulle notizie più recenti. Tversky e Kahneman Condividi il Tweet

D’altra parte, come dimostrato da Ariely ed altri, sei molto più propenso a pagareil premio dell’assicurazione per proteggerti da un evento naturale che hai vissuto in prima persona.

Quindi ricordati che anche se un’idea è viva nei tuoi ricordi non necessariamente è più comune di altre.

D’altronde, parlando di razionalità e ragione possiamo riprendere le parole di Nietzsche

"Com’è venuta nel mondo la ragione? Com’è giusto che arrivasse, in un modo irrazionale." Friedrich Nietzsche Condividi il Tweet

Ehi!

Sei arrivato alla fine e io ti ringrazio per aver dedicato parte del tuo tempo alla lettura di questo post.

Se lo hai trovato interessante lascia un commento.

Inoltre, per avere una panoramica di tutto quello che Evonomia.com offre sull’argomento ti consiglio di cliccare qui sotto:

MENTAL [MENTE]

Grazie e alla prossima!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.