Cosa significa il termine euristica?

cosa significa euristica?

Dopo aver sbagliato alcune decisioni di investimento ti sei chiesto perché fai sempre gli stessi errori? Adesso stai leggendo tutto quello che riguarda la finanza comportamentale, il processo decisionale e la prospect theory, ti sei imbattuto in una parola nuova, strana e complicata ed ora ti chiedi cosa significa euristica?

Non temere!

Si tratta di una parola molto semplice e ti prometto che capire cosa significa euristica sarà un gioco da ragazzi anche senza leggere tutto il meraviglioso ed impegnativo libro “pensieri lenti e veloci” del premio Nobel Daniel Kahneman, (un maestro sull’argomento) e senza impazzire formulando ipotesi più o meno efficaci su come risolvere un problema.

Per aiutarti a capire meglio cosa significa il termine euristica voglio farti prima un esempio personale, poi arriveremo al punto della questione.

Avanti con l’esempio.

Un esempio di euristica

evonomia idee - Cosa significa il termine euristica?

Martedì sera, prove teatrali concluse, con un amico decidiamo di andare in un pub a bere una birra per fare due chiacchiere al caldo.

Un classico.

Sono appena salito sulla sua macchina e mi chiede:

“conosci quel nuovo locale appena aperto? hanno delle eccezionali birre artigianali. Ci andiamo?”

Io, per tutta risposta “OK ma è dall’altra parte della città. Gira a destra al prossimo incrocio, conosco una scorciatoia …”

Ok, ma cosa c’entra tutto questo con il significato della parola euristica?

C’entra, perché anche l’euristica è una scorciatoia, una scorciatoia mentale utile a prendere decisioni sensate …

Ora veniamo al punto.

Cosa significa il termine euristica?

pexels photo 403855 300x199 - Cosa significa il termine euristica?

Sono convinto che il miglior modo per affrontare un dubbio sia quello di partire dalle definizioni.

Dunque, per prima cosa, mi affido al dizionario Treccani:

EURISTICA
Nel linguaggio scientifico, detto di ipotesi che viene assunta precipuamente come idea direttrice nella ricerca dei fatti, e del metodo stesso di ricerca così condotta: mezzo euristico, in senso lato, mezzo di ricerca. In particolare, in matematica, procedimento euristico, qualsiasi procedimento non rigoroso (a carattere approssimativo, intuitivo, analogico, ecc.) che consente di prevedere o rendere plausibile un risultato, il quale in un secondo tempo dovrà essere controllato e convalidato per via rigorosa.

Il termine, di origine greca, letteralmente significa “scoprire” “trovare” ed ha la stessa radice del termine

EUREKA

Pensando al termine Eureka mi viene naturale associare all’idea di euristica la tipica euforia che accompagna ogni scoperta.

In pratica le euristiche sono scorciatoie del pensiero utili per arrivare a soluzioni efficaci nel minor tempo possibile e soprattutto con il minor sforzo mentale!

Devi sapere, infatti, che il nostro cervello è un gran pigrone e, appena può, risparmia energia!

leggi anche: istinto e ragione due cervelli e una mente sola

Di base la psicologia cognitiva ritiene che l’individuo metta in atto comportamenti sulla base di elaborazioni delle informazioni provenienti dall’ambiente esterni e considera l’essere umano come un sistema a risorse limitate.

A causa di questo limite, non potendo risolvere problemi tramite processi algoritmici come fanno i computer, il cervello umano fa ampio uso di euristiche come efficienti strategie per semplificare problemi complessi e giungere a decisioni che siano rapide ma allo stesso tempo efficaci. 

Euristica, un esempio concreto

Lotteria bias evonomia - Cosa significa il termine euristica?

Vuoi un esempio?

il numero

1.232.434.535.677.867.889.643.243.574

è un numero pari o dispari?

In teoria, agendo secondo i principi della matematica, prima di rispondere dovresti dividere il numero per due e verificare se c’è un resto.

Operazione complicata!

La tua mente, però, sa bene che basta controllare l’ultima cifra a destra ( 4 in questo caso ) per poter dire che il numero è pari.

Ecco! questa è un’euristica.

Negli ultimi anni le ricerche e gli esperimenti hanno scoperto un numero sempre maggiore di euristiche tra le quali le più famose sono:

  • Euristica della disponibilità (credi più probabile un evento solo perché lo ricordi più facilmente)
  • Euristica della rappresentatività
  • Euristica dell’ancoraggio (formuli un giudizio partendo da un’informazione nota anche se arbitraria ed adatti le informazioni successive sulla base di quel dato conosciuto, che funziona da “ancora”)

Euristica e bias in finanza ed economia

evonomia felicità trading 300x200 - Cosa significa il termine euristica?

Cosa c’entrano le euristiche con la finanza e con l’economia?

C’entrano nella misura in cui un individuo prende decisioni di investimento in condizioni di incertezza.

La teoria finanziaria classica, come ti avranno più volte ripetuto, presuppone che ogni individuo sia in grado di massimizzare la propria utilità.

Partendo dalla prospect theory di Tversky e Kahneman possiamo affermare che gli scienziati comportamentali negli ultimi decenni hanno dimostrato come gli individui prendano le loro decisioni attraverso processi e strategie di pensiero semplificate. Con il termine euristico intendiamo una scorciatoia mentale che ci permette di prendere decisioni ed emettere giudizi velocemente.

leggi anche: Prospect theory, decidere significa [ anche ] sbagliare

Sappiamo che la nostra mente crea involontariamente delle scorciatoie logiche (nella maggior parte dei casi parlerei di scorciatoie illogiche) che ci permettono di dare risposte a problemi, elaborare valutazioni e prendere decisioni rapide in situazioni che conosciamo e che abbiamo già vissuto.

Capita a tutti di decidere qualcosa in fretta, avendo a disposizione solo qualche informazione superficiale e poco accurata.

Attraverso il loro lavoro Kahneman e Tversky (e molti altri dopo di loro) hanno analizzato a fondo le scappatoie della mente in ambito finanziario, concludendo che esse possiedono le seguenti caratteristiche: sono schematiche e ripetitive, molto efficienti ma poco consapevoli, automatiche ma semplificate. Il guaio è che le scorciatoie della mente sono comode, pigre ma spesso fonte di errori.

Questi errori, se ripetuti, diventano pregiudizi, portano a perdite di denaro e sono una sottocategoria di euristiche che prendono il nome di bias cognitivi.

Guarda l’uomo nella foto qui sopra.

Scommetto che, a prima vista e senza troppo pensarci, lo hai classificato come un uomo d’affari.

Non sai nulla di questa persona ma il vestito, il contesto, l’atteggiamento richiamano nella tua mente questo modello. Se ti fermi a riflettere potrebbe essere un errore che trasforma la tua euristica in un bias!

Ci avevi mai pensato?

Proprio come la scorciatoia che ho proposto al mio amico l’altra sera. Se avessimo sbagliato strada e ci fossimo persi la scorciatoia [ euristica ] ci avrebbe condotto in un luogo sbagliato rispetto al nostro obiettivo [ bias ].

Insomma, ritornando all’esempio iniziale della birra in compagnia del mio amico, ora so che posso associare l’euristica ad una scorciatoia quindi la prossima volta che sarò in macchina con lui mi farò bello dicendogli:

“conosco un’euristica per arrivare prima. Gira a destra …”

Sono certo che mi guarderà con occhio perplesso mentre ho il dubbio che l’euristica ci condurrà in un vicolo cieco.

Ehi, sei arrivato alla fine di questo articolo!

Ci vuole un ultimo, significativo e prezioso gesto … l’iscrizione alla newsletter di Evonomia.

Segui l’euristica e fallo subito !

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.