Nudge e covid 19, l’inefficacia del modello inglese

nudge inefficaci - Nudge e covid 19, l'inefficacia del modello inglese

Nudge inefficaci ovvero cosa è andato storto in Gran Bretagna con il coronavirus?

In questo interessante articolo è stato analizzato il ruolo del Behavioral Insights Team (BIT), noto anche come Nudge Unit, nelle scelte del governo inglese di Boris Johnson in tema di covid 19.

Ed è una dura analisi alla teoria dei nudge ed alla sua inefficacia.

Che credo sia condivisibile, a patto di distinguere tra tecnica ed uso della stessa.

Ma andiamo con ordine.

Abbiamo parlato di un team di esperti al servizio dei governi. Di cosa si tratta?

Le Nudge Unit

evonomia Stipendio Soddisfazione - Nudge e covid 19, l'inefficacia del modello inglese

Il Behavioral Insights Team (BIT) è un gruppo di esperti che hanno iniziato a collaborare con il governo inglese fin dai tempi di Cameron (2010) con lo scopo di fornire indicazioni, spunti e suggerimenti per migliorare l’efficacia delle politiche governative.

L’idea nasce sempre dalla teoria dei nudge proposta nel 2008 da Thaler e Sunstain, che ha trovato una prima applicazione pratica con la nudge unit dell’amministrazione Obama.

Non credere, esiste un team equivalente anche al servizio dell’Unione Europea.

Di cosa si occupa una nudge unit?

Il team utilizza le conoscenze interdisciplinari acquisite per sostenere il processo decisionale di un governo, identificando gli elementi comportamentali nelle politiche e suggerendo leve comportamentali per aumentarne l’efficacia.

E spazia sui più disparati argomenti, proprio perchè non si occupa di un tema specifico ma più in generale dei processi decisionali e dei comportamenti delle persone.

In questo blog sono numerosi gli esempi di nudge proposti. E sono logicamente a favore del suo utilizzo, della sua diffusione e della sua efficacia.

E’ corretto però segnalare che esiste una critica fondata su questa teoria denominata anche paternalismo libertario.

Di cosa si tratta?

Il rischio [ potenziale ] dei nudge

accomplishment action adventure challenge 461593 - Nudge e covid 19, l'inefficacia del modello inglese

Purtroppo l’uso dei nudge ha 2 punti deboli che ne determinano il potenziale rischio:

  1. l’obiettivo da conseguire
  2. l’efficacia dei risultati

analizziamo brevemente entrambi gli aspetti.

Per quanto riguarda l’obiettivo, beh, un pungolo di per sé è uno strumento neutro. Tutto dipende dal risultato che si vuole ottenere.

Mi spiego.

Sappiamo che i prodotti posti ad altezza sguardo sono [ banalmente ] quelli che maggiormente attirano la nostra attenzione e vengono inconsapevolmente scelti.

Sono quindi un perfetto esempio di nudge.

Un conto però è mettere in posizione strategica frutta e verdura per favorirne il consumo. Diverso è mettere i giocattoli più desiderati sugli scaffali dei negozi ad altezza bambino.

Abbiamo quindi definito che con i nudge dobbiamo anche combatterci [ meglio quindi conoscerne l’esistenza ].

Punto 1 smarcato.

Passiamo al secondo aspetto, ovvero l’efficacia dei risultati.

Esiste una sostanziale incertezza, come in tutte le scienze sociali, sui risultati ottenibili da uno strumento [ almeno nel breve periodo ].

E qui si innesta la polemica sull’uso dei nudge per fronteggiare la crisi del coronavirus in Gran Bretagna.

Perché?

Nudge inefficaci e coronavirus?

abandoned building empty indoors 20943 - Nudge e covid 19, l'inefficacia del modello inglese

Cosa c’entra il BIT con il virus?

Pare, almeno secondo l’articolo, che il BIT abbia utilizzato la modellizzazione computerizzata per esplorare le potenziali reazioni del popolo inglese a misure governative che avrebbero potuto essere utilizzate per gestire Covid-19.

Quindi, ad esempio, si dice che la decisione iniziale del governo di non incoraggiare un maggiore isolamento sociale sia stata suggerita dal BIT, secondo cui le persone avrebbero subito la “stanchezza” di tali misure se imposte troppo presto nel corso della crisi.

Ecco, se fosse vero, credo sia stato un esperimento sociale sbagliato, inopportuno e pericoloso proprio perché era chiaro dagli esempi dialtri Paesi [ Italia in primis, purtroppo ] che sarebbe mancato il tempo necessario a queste “tecniche” per dispiegare la propria efficacia.

E’ sempre importante distinguere tra l’esistenza di una strategia e l’uso che se ne fa.

In questo caso sarebbe stata, quindi, una follia pericolosa utilizzare un approccio simile su quello che, numeri alla mano, si presentava come un tornado sociale economico e sanitario in rapido, rapidissimo avvicinamento.

Credo che il modo migliore per chiudere questa critica all’uso dei nudge [ non ai nudge in senso stretto ] sia la seguente citazione

"Re o governanti non sono coloro che portano con sé uno scettro, ma quelli che sanno comandare." Socrate Condividi il Tweet

Ehi!

Sei arrivato alla fine e io ti ringrazio per aver dedicato il tuo tempo alla lettura di questo post.

Se sei interessato al nudging e vuoi scoprire tutto quello che Evonomia.com offre sull’argomento ti consiglio di cliccare sulla categoria di riferimento:

GENTIL [ MENTE]

e lasciare qui sotto un commento con la tua esperienza personale sul tema spinta gentile, architettura delle scelte e tecniche di nudge.

Grazie e alla prossima!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.