Saldi 2019: consigli per acquisti consapevoli

saldi ed economia comportamentale

Quale rapporto lega saldi ed economia comportamentale?

Natale è appena passato, abbiamo ancora il ricordo del capodanno negli occhi ed ecco che subito si affaccia una nuova sfida per il nostro portafoglio: i SALDI 2019!

Sicuramente, girando per negozi e centri commerciali in cerca dei doni natalizi, hai addocchiato un completo Armani, un paio di Birkenstock, un nuovo prodotto Apple e ti se ripromesso di tornarci ” … appena iniziano i saldi”.

Spesso però i sogni si scontrano con le bollette, le rate del mutuo ed il conto corrente, d’altronde …

I SALDI non fanno la felicità! Condividi il Tweet

La prima soluzione che ti sarà venuta in mente, probabilmente, è stato scaricare una app che ti permettesse di controllare le entrate e le uscite, avvisandoti quando hai superato i limiti di spesa che ti eri imposto. Sicuramente questi strumenti sono utili perché ti permettono di prendere coscienza delle tue abitudini di spesa e del denaro speso ma, a mio avviso, è altrettanto importante capire che la soluzione per la gestione dei soldi è … pensare di più!

Iniziamo.

Saldi ed economia comportamentale: le euristiche

pexels photo 534229 - Saldi 2019: consigli per acquisti consapevoli

E’ utile imparare a riconoscere quelle scorciatoie mentali, dette euristiche, che ti stanno inesorabilmente giocando contro!

Non importa quanto costa qualcosa, ma quanto forte è lo sconto. (Arthur Bloch) Condividi il Tweet

Per prima cosa fai attenzione alle cose che dici a te stesso e che ti portano ad avere una cattiva gestione finanziaria perché, spesso, la fonte dei tuoi problemi di spesa non è la mancanza di denaro.

La verità è che molte persone vanno in una crisi perché sono cattivi manager di se stessi.

E, con l’avvento del commercio digitale, le probabilità di commettere i più classici errori comportamentali aumentano esponenzialmente.

Su questo argomento ho letto un articolo di presentazione del nuovo libro che Dan Ariely ha scritto a quattro mani con il comico e scrittore Jeff Kreisler (dal titolo “Dollars and Sense: How We Misthink Money and How to Spuar Smart”).

Leggi anche: Dan Ariely, uno psicologo prevedibilmente irrazionale

Gli autori sottolineano che “dal Bitcoin all’Apple Pay, alla consegna dei pacchi di Amazon tramite droni, sempre più sistemi moderni sono progettati per farci spendere di più, più facilmente e più spesso. Siamo in un ambiente sempre più ostile in cui prendere decisioni ragionate e razionali. E, a causa di questi strumenti moderni, per noi sarà più difficile fare scelte utili ai nostri interessi”.

Mi ha colpito molto l’esempio dei cosiddetti “bargain hunter” (i cacciatori d’affari”) ed ho proprio pensato che per loro, con l’inizio della stagione dei saldi, è come se si fosse aperta la stagione venatoria!

Questi consumatori sono così orgogliosi delle loro capacità di procacciarsi buoni affari che non capiscono di essere loro le prede!

L’articolo cita questo passaggio del libro di Ariely.

“Quando compri una felpa da 100€ scontata 40% ricordati che non stai risparmiando 40 € … Ne stai sempre spendendo 60 €! Spesso il denaro, nella nostra mente, é un concetto relativo”.

In effetti “gli sconti sono una pozione che ci rende più stupidi. Semplicemente i saldi abbassano la nostra capacità di valutazione agendo tramite il nostro processo decisionale. Quando un articolo è “in vendita”, agiamo più rapidamente e con meno ponderazione di quando il prodotto costa la stessa cifra ma è contrassegnata come un prezzo normale. “

Interessante!

La soluzione proposta da Ariely è ironica, provocatoria e decisamente drastica.

Dato che il processo di pagamento con denaro contante stimola il cervello nelle stesse aree del dolore fisico, quando acquisti con carta di credito dovresti … prenderti a pugni, per ricreare la stessa sensazione!

Prima di arrivare a soluzioni tanto estreme ti consiglio, più semplicemente, di prendere coscienza di alcuni errori comportamentali (bias) che tipicamente compiamo quando siamo di fronte all’ultimo capo firmato (di una taglia inferiore alla nostra) scontato del 70% solo per oggi!!!

Per prima cosa devi sapere che gli esseri umani sono irrazionali, ma quel comportamento irrazionale segue modelli e schemi ben precisi che vengono sfruttati dai commercianti più accorti durante il periodo dei saldi.

Ecco il legame tra saldi ed economia comportamentale.

L’economia comportamentale segue questi schemi osservando come fattori psicologici, emotivi e sociali modellano le decisioni che le persone prendono.

Scopriamo alcuni di questi principi basati sul comportamento che influenzano le tue azioni quando fai shopping.

Sei pronto?

Saldi e bias comportamentali

evonomia economica mente  - Saldi 2019: consigli per acquisti consapevoli

  • Effetto scarsità

Questo tablet in edizione limitata sembra molto meglio di quello normalmente in vendita!

Già, ma perché?

La scarsità fa sembrare le cose più preziose e la gente ha paura della sensazione di perdere una buona opportunità,

Leggi anche: cosa significa effetto scarsità

In effetti, se ci pensi, durante i saldi trovi ovunque scritte in cui ti sottolineano il tempo limitato (“solo per oggi, affrettati!”) o la quantità limitata (“ultimi 20 pezzi disponibili”).

  • Percezione e reputazione sociale

Quando hai deciso di iscriverti in palestra che tipo di vestiti hai comprato?

Le percezioni sociali sono un grande incentivo per quanto riguarda l’azione dei consumatori e le opinioni degli acquirenti su come il vostro prodotto influisce sulla propria reputazione possono stimolare (o uccidere) una vendita.

Il caso più famoso? Apple è nota per creare prodotti per persone che la pensano diversamente e che non seguono lo status quo. Quando acquistano i loro prodotti, i consumatori non acquistano solo un dispositivo, ma acquistano anche una reputazione e una dichiarazione.

  • Ancoraggio

Nonostante gli acquirenti siano più svegli che mai, c’è ancora un limite si comportamento quando si tratta di acquistare prodotti non familiari.

L’ancoraggio è una tattica che tenta di colmare tale lacuna per i clienti dando loro un punto di riferimento dei prezzi (e quindi confrontando il prezzo o il valore con quello per far sembrare più attraente).

Proprio l’ancoraggio è il re dei bias durante il periodo dei saldi!

Fornendo un prezzo (che il consumatore non può determinare come corretto o fuori mercato) e ribassandolo del 30%/50% si ottiene l’effetto di ancorare il cliente ad un valore per far percepire un vantaggio nell’acquisto in saldo.

  • Comportamento gregario

ll comportamento gregario (ovvero le persone seguono solo ciò che il gruppo sta facendo invece di agire attraverso un pensiero indipendente) non è solo per adolescenti con la pressione dei pari età.

Le prove sociali sono una potente tattica in cui le informazioni su come si comportano gli altri (“il gregge”) vengono utilizzate per creare influenza a livello individuale. Dopo tutto, se qualcun altro “proprio come te” lo sta facendo, non lo vuoi fare anche tu?

Leggi anche: Lunedi nero di Wall Street,tre insegnamenti da ricordare

Adesso, compreso che spesso durante i saldi i nostri acquisti sono irrazionali… non mi resta che augurarti buon shopping e dirti che

Domani milioni di italiani occuperanno le piazze e le vie del nostro paese. Iniziano i saldi. Condividi il Tweet

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.